PD Pavia

Partito Democratico della provincia di Pavia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Notice
  • EU e-Privacy Directive

    Questo sito usa dei cookie per gestire l'autenticazione, la navigazione e le altre funzioni. Usando il sito acconsenti all'invio dei cookies al tuo computer.

    Leggi la direttiva e-Privacy


Notice: Undefined variable: AND in /var/www/ftpsite/PDprovinciaPavia/www.pdpavia.it/mirror20110929/plugins/content/relatedarticlestags.php on line 165

alluvioneCopertura totale da parte della Regione Lombardia per gli interventi di “somma urgenza” per i Comuni con popolazione inferiore ai 1.000 abitanti (ma con attenzione a quelli sotto i 2.000) e ammettere al finanziamento regionale anche gli interventi effettuati in “urgenza”. È quanto prevede l’ordine del giorno all’assestamento di bilancio regionale 2011 presentato dal PD - prima firma il consigliere regionale Giuseppe Villani, controfirmato anche da alcuni consiglieri leghisti e da Vittorio Pesato del PDL - approvato ieri in Aula durante la discussione generale. Villani aveva incluso i comuni con meno di 5.000 abitanti, ma l’assessore ha chiesto di limitare la platea delle amministrazioni, modifica accettata dall’esponente democratico per permetterne l’approvazione. Ora l’assestamento al bilancio contiene un invito alla Giunta a ripristinare la copertura totale degli interventi urgenti in caso di calamità per i piccoli comuni, modificando così la delibera regionale del dicembre scorso che poneva un tetto di 75.000 euro agli interventi finanziabili dalla Regione e introduceva il meccanismo della compartecipazione: 80% da parte della Regione e 20% da parte del Comune interessato. Inoltre, la delibera subordinava l’intervento regionale all’approvazione da parte dei comuni di un apposito piano regionale. Limiti troppo stretti, secondo il PD, che si sono scontrati con le prime due vere emergenze: quella dell’Oltrepo, colpito dal 30 maggio al 10 giugno scorso da eccezionali eventi atmosferici e dai conseguenti dissesti idrogeologici, e dalla frana che ha colpito il centro di Brienno, in territorio comasco, il 7 luglio.

«Per l’Oltrepo è indubbiamente un risultato importante – spiega Villani – anche se nelle nostre intenzioni la Regione avrebbe potuto fare di più arrivando a coprire le spese anche per i comuni fino a 5.000 abitanti che, al pari dei comuni più piccoli, si trovano in condizioni di estrema difficoltà a coprire i costi di interventi necessari a ripristinare la sicurezza e l’agibilità dei propri centri abitati e delle attività produttive. Ora attendiamo che la Regione dia corso all’impegno che il Consiglio regionale ha assunto all’unanimità. Avevamo chiesto a più riprese la modifica di quella delibera ma solo i casi concreti hanno permesso un’assunzione di responsabilità da parte di tutte le forze politiche.”

Milano, 27 luglio 2011